SaràSiCura

NASCE SARÀ SICURA, PER UNA LIBERA SESSUALITÀ

Per la gratuità di contraccettivi, anticoncezionali e assorbenti, per una vera educazione sessuale.

 Sarà SiCura nasce da un'idea di diritto allo studio e #cittadinanzastudentesca a 360°. Nasce dalla percezione che oggigiorno in Italia manchi un'adeguata attenzione nei confronti della sessualità per i giovani. Studenti, studentesse, giovani lavoratori e giovani lavoratrici sono lasciate in balia delle proprie paure e insicurezze, delle proprie ansie, dei propri dubbi e timori, senza una corretta formazione e informazione in un campo così delicato come quello della sessualità.

È infatti assente una legge nazionale che regoli l'insegnamento dell'educazione sessuale nelle scuole; l'accesso ai contraccettivi o agli anticoncezionali è costoso e fatto senza la corretta informazione; i consultori hanno orari limitati e i loro servizi sono scarsamente frequentati dai più giovani, anche perché poco conosciuti; i beni per l'igiene intima femminile sono costosi e tassati come beni di lusso. Per questo abbiamo ritenuto necessario lanciare questa campagna, col desiderio di non rimanere soli, con la voglia e la speranza di una realtà diversa e a alla portata dei giovani.  

#SaràSiCura

La campagna si articola in 4 punti ed è concepita in modo tale che in Toscana qualsiasi ragazzo o ragazza, studente o studentessa, lavoratrice o lavoratore che non abbia ancora compiuto i 30 anni di età, non sia mai abbandonato a se stesso. L'aspirazione è che se studi in una scuola medio superiore della Toscana, o se sei iscritto a una delle quattro università presenti nella Regione, o se lavori e paghi le tasse per il SSR tu debba godere di determinati diritti e garanzie:  

1 - Una sana e corrette (in)formazione: in primis è necessaria una campagna di sensibilizzazione nei confronti dei ragazzi e delle ragazze all'interno degli istituti medio superiori, alla quale si deve accompagnare la previsione dell'insegnamento di una vera e propria educazione sessuale all'interno delle scuole, una disciplina che è da tempo esclusa dalle proprie discipline scolastiche.

2 - Gratuità di beni di prima necessità: assorbenti e coppette mestruali, beni indispensabili per l'igiene intima femminile, ad oggi vengono ingiustamente tassati al 22% come beni di lusso, andando ulteriormente a gravare sulle realtà delle ragazze o delle loro famiglie. È ingiusto che un bene necessario e indispensabile per la vita di tutte le ragazze sia invece un costo di vita aggiuntivo. 

3 - Accesso gratuito a contraccettivi e anticoncezionali: preservativi, pillole, spirali e gli altri prodotti indispensabili per la propria sicurezza. Inutile ripetere quanto sia gravoso e concettualmente errato pagare per la prevenzione sessuale, un servizio che dovrebbe essere garantito e gratuito per tutti i giovani che non godono di reddito proprio.

4 - Implementazione del servizio dei consultori: incremento delle risorse necessarie per una migliore fruibilità di questi spazi informativi e di visita aperti e accessibili a tutti. Dove possibile prevedere l'apertura all'interno delle sedi universitarie e scolastiche di luoghi garanti sia della consegna dei materiali gratuiti previsti, sia dell'attività quotidiana di informazione complementare all'azione dei consultori già presenti sul territorio. 

Noi studenti medi ed universitari della Toscana abbiamo deciso di promuovere la campagna "SaràSicura" per raggiungere questi obiettivi perché questa è una battaglia di civiltà, in un momento in cui diritti acquisiti dopo tante lotte sono minacciati da ideologie reazionarie e retrograde. Crediamo fortemente in una realtà a misura di studente o di giovane lavoratore, che sia accessibile a tutti e tutte. 


Campagna promossa da:

Unione degli Universitari - DAS Pisa

UDU Firenze Sinistra Universitaria

Rete degli Studenti Medi Toscana


La nostra campagna Sarà SiCura la trovi anche sui social!